Cultivar in collezione









PIANGENTE

SINONIMI
Nessuno

ORIGINE, DIFFUSIONE, IMPORTANZA
L'origine di questa cultivar e' incerta.
Con tale denominazione e' stata segnalata in numerose zone olivicole toscane (1, 2, 4).
Diffusa per l'elevata produttivita', non sempre ha confermato queste caratteristiche. E' stata segnalata una discreta resistenza alle principali avversita' parassitarie (cicloconio) e climatiche, ed in particolare ai venti salsi di mare (4, 5).

CARATTERISTICHE AGRONOMICHE
Autosterile richiede opportuni impollinatori (1, 2, 4).
Si comporta come ottimo impollinatore per "Frantoio", "Leccino" e "Pendolino" (4).
L'aborto dell'ovario colpisce generalmente il 15-20% di fiori (2, 4).
La produttivita' e' elevata ma piuttosto alternante.
La maturazione dei frutti e' tardiva e piuttosto scalare (2, 3, 4).

ALBERO
VIGORIA: media
PORTAMENTO: pendulo
CHIOMA: espansa e molto folta
NOTE: la corteccia e' biancastra. I rami penduli e lunghi hanno cime non risalenti (4).

FOGLIA ADULTA
FORMA: ellittico-lanceolata o lanceolata
CURVATURA: piana
SUPERFICIE: leggermente tegente
DIMENSIONE: medio-grande
ANGOLO APICALE: mediamente aperto
ANGOLO BASALE: mediamente aperto
POSIZIONE LARGHEZZA MAX: centrale o apicale
COLORE PAGINA SUPERIORE: verde-grigio piuttosto scuro
COLORE PAGINA INFERIORE: grigio-argenteo

DATI BIOMETRICI MEDI:
LUNGHEZZA mm: 62.47 (4)
LARGHEZZA mm: 12.32 (4)\
RAPPORTO LUNGH./LARGH.: 5.23 (4)
NOTE: lembo fogliare di medio spessore (4).

INFIORESCENZA
STRUTTURA: lunga e compatta
FORMA: paniculata
LUNGHEZZA MEDIA mm: 43 (*)
NUMERO MEDIO FIORI: 24-25 (*)
NOTE:i fiori sono piuttosto grandi (corolla di 8 mm di diametro) (4) e riuniti in verticilli apicali alquanto distanziati.

FRUTTO
COLORE ALLA RACCOLTA: invaiato o nero
INVAIATURA: medio-tardiva e graduale
FORMA: ellissoidale breve
SIMMETRIA: leggermente asimmetrico
POSIZIONE DIAMETRO MAX: centrale
DIMENSIONE: media
APICE: arrotondato
BASE: piuttosto appiattita
CAVITA' PEDUNCOLARE: circolare, larga e poco profonda
EPICARPO: pruinoso con evidenti lenticelle

DATI BIOMETRICI MEDI:
PESO 100 DRUPE (g): 277 (*)
DIAMETRO POLARE mm: 22.1 (*)
DIAMETRO TRASVERSALE mm: 16.1 (*)
RAPPORTO DIAMETRICO: 1.37 (*)
NOTE: inserzione del peduncolo obliquo (4).

ENDOCARPO
FORMA: ellissoidale allungata
SIMMETRIA: asimmetrica
DIMENSIONE: grande
POSIZIONE DIAMETRO MAX: apicale
SUPERFICIE: piuttosto liscia
SOLCHI FIBROVASCOLARI: poco numerosi
ANDAMENTO SOLCHI FIBROVASCOLARI: longitudinale
PROFONDITA' SOLCHI FIBROVASCOLARI: limitata
FORMA DELLA BASE: rastremata
FORMA DELL'APICE: sub-conico
TERMINAZIONE DELL'APICE: breve rostro

DATI BIOMETRICI MEDI:
PESO 100 NOCCIOLI (g): 51.6 (*)
DIAMETRO POLARE mm: 16.2 (*)
DIAMETRO TRASVERSALE mm: 8.1 (*)
RAPPORTO DIAMETRICO: 2 (*)

BIBLIOGRAFIA

1. Baldini E. (1953). - Contributo allo studio delle razze di olivo coltivate in Toscana.
I. Indagini condotte in provincia di Firenze. Ann. Sper. Agr., 7:1675-1700.

2. Baldini E. (1956). - Contributo allo studio delle cultivar toscane di olivo.
III. Indagini condotte in provincia di Pistoia. Ann. Sper. Agr., 10:1-52.

3. Bini G., Raddi P. (1965). - Indagini sulle modalita' d'inserimento delle olive sull'infruttescenza, sulla resistenza al distacco, sul peso e sull'epoca di maturazione delle drupe di alcune cultivar di olivo. Agricoltura d'Italia, 7:15-30.

4. Scaramuzzi F., Cancellieri M.B. (1954). - Contributo allo studio delle razze di olivo coltivate in Toscana.
Indagini condotte in provincia di Livorno e nella valle del Cecina.
I e II parte. Ann. Sper. Agr., 9:1-120.

5. Morettini I. (1954). - Ricerche sulla anatomia delle foglie delle piu' note varieta' di olivo toscane in relazione alla loro resistenza al Cycloconium. Notiziario malattie piante, 28, 3-11.


*) Rilievi condotti presso I.T.A., Pescia (PT)