Studio e valutazione del sistema delle fondazioni lignee a Venezia

Gran parte delle fondazioni degli edifici storici veneziani presenta un sistema fondazionale realizzato con palificate di legno infisse nel terreno per incrementarne le caratteristiche meccaniche. Si realizza in questo modo un sistema composito complesso legno – acqua – argilla che costituisce la struttura di appoggio dei massi di fondazione, e che può presentare caratteristiche meccaniche diversificate in seguito a processi di degradazione del legno. Si ritiene generalmente che questo sistema così complesso possieda in opera una grande stabilità chimico-fisica e microbiologica, e tuttavia indagini svolte in passato hanno mostrato che dopo alcuni secoli il legno va incontro a processi di degrado da parte di batteri anaerobi. Scopo del progetto, per quanto riguarda le attività di Ivalsa è identificare le specie legnose e valutare lo stato di conservazione del legno attraverso indagini micromorfologiche, fisiche, chimiche; si intende altresì valutare le caratteristiche meccaniche residue del materiale legno, mettendo in relazione tali caratteristiche con il suo stato attuale di conservazione e con la sua composizione chimica attuale. Le attività sono svolte in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari, con l’Università di Padova, con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna e con il CORILA. Quest’ultima finanzia l’intero progetto.

staff

Nicola Macchioni (contact person), Benedetto Pizzo, Chiara Capretti, Lorena Sozzi, Simona Lazzeri, Elisa Pecoraro, Luigi Fiorentino

 

[Last updated on: 20-06-2016]
Navigando il sito ivalsa.cnr.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.