Biodiversità delle specie legnose

La raccolta, la conservazione e la caratterizzazione della diversità genetica delle specie vegetali (biodiversità) rappresentano obiettivi strategici, capaci di diversificare le produzioni agro-alimentari e forestali. Caratteri d'interesse agronomico presenti in genotipi coltivati e/o spontanei possono essere convenientemente mantenuti, analizzati ed utilizzati, al fine di selezionare nuovi genotipi e ottimizzarne le interazioni con le variabili ambientali. La caratterizzazione dei genotipi, effettuata con parametri biologico-produttivi, markers biochimici e molecolari, permette di valutare l'efficienza produttiva e la qualità del prodotto, nonché le strategie di adattamento e di acclimatazione delle piante a condizioni di stress. Il materiale vegetale così caratterizzato viene inserito nel servizio nazionale di certificazione (genetica e sanitaria) e destinato al settore del vivaismo delle specie legnose. In particolare si tiene conto delle specie utilizzabili nel riordino delle attività agro-forestali, nei boschi da legno di pregio e negli arbusteti, nel restauro delle vegetazioni per la difesa del suolo e di particolari ecosistemi, nella realizzazione del verde urbano e periurbano.

[Last updated on: 02-11-2015]
Navigando il sito ivalsa.cnr.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.